201012221107410

La Schiavitù e la Fuga

 

Nel corso degli anni seguenti gli ebrei ebbero successo; così tanto che gli Egiziani diventarono nervosi e gelosi del loro sviluppo ed influenza.(2) 

Alla fine, il faraone Sobekhotep IV ordinò che gli ebrei venissero presi in schiavitù e che la crescita della loro popolazione fosse controllata con infanticidi. Così gli ultimi 70 anni del Soggiorno furono ricordati come la Schiavitù. 

Nel frattempo, Mosè (Moshe, in  ebraico significa “estrarre” [ da acqua ] ) nacque vicino a Memphis nel 1527 a.C. e potè usufruire di una educazione reale. Infatti, venne ricordato come un Principe d'Egitto e comandante militare di successo. I suoi successi erano tali che il Faraone Ay divenne geloso di lui e della sua popolarità. Quindi, fu costretto a fuggire in esilio in Arabia Saudita nel 1493 NC dove si sposò e rimase per i 44 anni successivi. Non era ancora il 1449 a.C. e dopo un certo numero di appelli urgenti dalle Comunità ebraiche Mosè venne spinto a tornare in Egitto.  

Mosè, aveva ora 78 anni, provò a persaudere il recentemente incoronato Re Dudimose di liberare gli israeliti, ma ciò venne rifiutato con fermezza. Malgrado gli avvertimenti di Mosè, i tormenti iniziarono nel 1448 a.C. sotto forme che portarono a conoscerli come i dieci flagelli; per esempio rane, mosche, locuste, ecc. (3).  L'ottavo ed il nono si verificarono insieme la stessa notte. Il primo fù una violenta tempesta di grandine senza precedenti, seguita da un terremoto catastrofico. La Terra Nera (nome dato a quel tempo al territorio del delta del Nilo a nord di Memphis, (cioè 10 miglia (16 Km) a sud del Cairo) venne devastata: le case, le strade, i canali e perfino i più grandi templi vennero distrutti. 

Tra tutte le sofferenze che afflissero il popolo, avvenne un evento che finora non ha avuto una spiegazione chiara e razionale: tutti i bambini appena nati cominciarono a morire; non necessariamente all’improvviso, ma ovviamente in un periodo breve. Nessuna menzione è stata fatta mai se i bambini ebrei avessero avuto lo stesso destino; con tutta probabilità ne furono colpiti così come gli animali. Non ci sono dubbi che questo disastro sia avvenuto, dato che molti pozzi vennero riempiti in quel periodo, con gli animali e gli esseri umani mescolati insieme, e sono stati scoperti recentemente ed identificati come appartenenti a questo episodio. In tutti i modi, questa tragedia fu una prova per Dudimose che acconsentì alle richieste di Mosè. Prima di concedere loro la libertà, tuttavia, gli ebrei furono obbligati ad effettuare essi stessi tutte le sepolture. 

 Allora, unendosi da un certo numero di Asiatici, abbandonarono le loro case ed evacuarono le loro città principali di Avaris e di Pithom, nel distretto di Goshen. Così cominciò il loro viaggio verso l'est verso Canaan. Altri operai, pricipalmente Asiatici, colsero questa occasione di fuggire verso sud terrorizzati ed in massa abbandonare la terra distrutta.

E’scritto che 600.000 uomini partirono con le loro famiglie (4). Ciò è ovviamente un'esagerazione poichè avrebbe significato una partenza totale di bene oltre 2 milioni di persone; molto più della popolazione di tutto l'Egitto in quei giorni. (Anche dopo oltre 3200 anni, nel 1800 AD, la popolazione era soltanto quattro milioni.) E’ giusto pensare che l'esodo, comprendendo i discendenti di Benjamin, Jacob e Joseph, non avrebbe potuto coinvolgere più di 150.000 persone ma probabilmente molti di meno. Anche un numero di questa portata certamente avrà posto enormi problemi di logistica. In conformità con i desideri scritti prima della sua morte circa nel NC 1600, all'età straordinaria di oltre 100 anni, Joseph venne  rimosso dalla sua tomba a Avaris e trasferito dagli ebrei per il riseppellimento finale in Canaan (5). Si crede generalmente che la tumulazione definitiva di Joseph sia a Shechem (ora conosciuta come Nablus, nel territorio recentemente passato ai Palestinesi) anche se questo non è stato mai confermato. 

Anche se l'itinerario più breve per Canaan era verso l'est lungo la linea costiera mediterranea, era ben noto che le vaste fortificazioni militari erano poste fra il mare e le montagne al nord-ovest del Sinai peninsulare. Erano costruite per respingere i saccheggiatori filistei (significato “invasori dal mare ") che avevano occupato la terra estesa a  nord-est oggi conosciuta come Gaza. Di conseguenza, Moses non aveva avuto scelta nel dirigere verso sud-est per seguire l'unico itinerario alternativo attraverso la parte superiore e poi giù verso il lato orientale del golfo di Suez. In quel tempo, le paludi piene di canne e le vasche per l’estrazione del sale dividevano quella che oggi è Suez dai Laghi amari. 

La parola ebraica  “Mar Rosso„ è la stessa di “mare delle canne„. Incidentalmente, la canna si è trasformata successivamente in una unità di misura. (Vedere l'appendice D) 

Gli ebrei quasi avévano completato la traversata del Mare delle Canne quando Dudimose cambiò idea in conseguenza di una pressione politica per il ritorno degli schiavi. Così ordinò alle unità del suo esercito, composte pricipalmente di bighe, di  arrestarli. La storia della divisione di acque per permettere agli ebrei di passare è ben nota (6). L'evento reale, in pratica il luogo dell’attraversamento, tuttavia è da protetto dalla tradizione e dalla leggenda e non può essere confermato. Ricordiamo che in quel tempo era pratica egiziana non documentare mai fallimenti di nessun tipo; gli archivisti e gli scrivani sono stati preparati soltanto a registrare le vittorie militari ed altri successi notevoli. Tuttavia, questo fatto può essere basato su alcune considerazioni, l’attraversamento di questa regione paludosa potrebbe in teoria essere stato realizzato durante il periodo di minimo delle maree all’inizio  del golfo di Suez, in concidenza con i forti venti da nord: mentre, al contrario, è ugualmente possibile che le forze inseguitrici del Pharaoh potrebbero aver sofferto l'inondazione provocata da una combinazione di maree primaverili e di violente tempeste da sud. (La gamma delle maree equinoziali a Suez è di 8.0 piedi (2.4 m) con un minimo di 2.9 piedi (0.9 m)) 

Avendo  necessità di assicurare un rifornimento idrico sufficiente, Moses fu obbligato a seguire la strada esistente oltre le miniere del turchese e del rame sono poste  lungo il lato orientale del Mar Rosso. Eventualmente, lui ed i suoi seguaci si sarebbero accampati per un po’ di tempo sulla pianura ai piedi del Monte Horeb (monte Sinai).

© 2004/2017 - Sito Ufficiale della Loggia Heredom 1224 di Cagliari - C.F. 92171500926 

top