image001

Il Primo Tempio

 

965 a.C. 

Solomone succede a Davide come re del Regno Unito di Israele delle dodici tribù. Prendendo i loro nomi e territori da nord a sud, erano:

Israel 

Dan (north & south), Naphtali, Asher, Zebulun, Levi or Manasseh (east & west), Issacher, Gad, and Joseph or Ephraim. 

Judah 

Benjamin, Judah, Reuben and Simeon.

 

964 a.C.

Solomone ordinò l'inizio delle preparazioni per la costruzione del primo tempio. Hiram, re di Tiro, buon amico suo e di suo padre, già si era offerto volontariamente per fornire tutto il legname quale il legno del cedro, del pino e dell'oliva dal Libano in cambio di viveri per la sua gente ed il regalo di 20 piccole borgate vicino al mare di Galilea. I due re siglarono il loro accordo pregando insieme sul Monte Moriah. 

Solomone arruolò 30.000 lavoratori stranieri per aiutare Hiram. Inoltre  radunò 120.000 schiavi per estrarre e spostare le pietre. Questi lavori forzati erano sotto la supervisione di Adoniram, che venne aiutato da 3.300 soprintendenti. Soltanto 550 Israeliti sono stati occupati sul progetto. Essi occupavano posizioni manageriali e di controllo delle quale Adoniram era il responsabile. Allo stesso tempo potrebbe essere stato un commerciante di pietre, fu in primo luogo il più imortante maestro degli schiavi del re Solomon  (20). Circa 30 anni dopo e dopo che Solomon era morto, Adoniram venne lapidato a morte per motivi sconosciuti.

 

960 a.C.

Costruite le fondamenta, la struttura prese forma in tre sezioni: il portico o vestibolo, o “Ulam„, era fuori del tempio adeguato e rivolto ad est. Esso conduceva, per l'entrata principale, nel corpo del tempio, o “Hekal„. Il Sancta Santorum, o “Debir„, occupava un terzo del tempio distante dall'entrata principale. Le misure interne “del Hekal„ e “del Debir„ erano di circa 90 piedi (27 m) in lunghezza, 30 piedi (9 m) larghezza e 40 piedi (12 m) altezza. Tuttavia, il pavimento del Debir venne alzato circa 10 piedi (3 m) in modo che questo alloggiamento formasse un cubo perfetto di circa 30 piedi (9 m). L’accesso era possibile per mezzo di una scala posta frontalmente. Avrebbe potuto esserci una stanza sotto, ma questo è non confermato. 

L'arca doveva essere posizionata nel centro del Debir, fiancheggiata da due grande cherubini alati in legno laminati in oro. Il Sanctum Sanctorum, doveva essere protetto dalla vista pubblica da tende di tela di colore rosso, azzurro e porpora. 

Le pareti del tempio vennero costruite in un modo insolito. In primo luogo furono posti tre strati di pietra levigata, seguiti da uno strato di  legname di collegamento in cedro, quindi da altri tre strati della pietra levigata, seguiti da un altro strato di legname e così via  (21). Si ritiene che il motivo fosse di rendere la struttura capace di resistere ai terremoti frequenti in quella regione. (Il secondo tempio venne costruito nello stesso modo) effettivamente, persino oggi, molte costruzioni fra la Turchia orientale e l'Afghanistan sono costruite in modo simile. Sorprendentemente, è soltanto nell'ultima metà di questo secolo che questo principio di elasticità strutturale, specialmente nelle grandi costruzioni, è stato adottato nuovamente. È ora largamente diffuso nella California e in Giappone. 

Il collegamento delle stanze, costruite su tre piani, confinava con tre lati del tempio. Ci erano circa 30 tali stanze, ciascuna con una o più finestre tagliate per permetterne l’uso agli arcieri se fosse stata necessaria la difesa. Nessuna di queste stanze aveva l'accesso diretto al tempio: il loro ingresso venne costruito tramite porte e scale in ogni lato delle terrazze. Il tempio in se aveva una sola entrata attraverso il vestibolo. Non c’erano mai più di tre entrate al tempio, anche se potevano essercene altre al recinto del tempio. 

Inizialmente, tutto il lavoro in pietra all'interno del tempio, così come esternamente l'intera struttura, era coperto completamente con pannellatura di legno. Il tetto era quasi piano, sostenuto da travetti di cedro che, a loro volta, erano sostenuti da sette coppie di colonne.

L'assenza segnalata dell'uso di attrezzi del metallo nella costruzione della struttura del tempiale non è stata mai chiarita; cioè se per diminuire i rumori, o se nessun attrezzo di metallo fosse stato utilizzato. Negli ultimi, si rese necessaria la preparazione di fasci e  pannellature di legname sul posto. Il metallo ovviamente venne utilizzato per lavorare nella cava sotterranea dalla quale, naturalmente, non ci sarebbe stato nessun rumore udibile sulla superfice. 

 

958 a.C.

Quando la struttura stava per essere terminata, Solomon invitò un lavoratore esperto delle fonderie da Tyre per  abbellire il tempio con oro, argento e bronzo lavorati.  
Benchè si chiamasse Hiram, appartenente alla tribù di Naphtali, i Liberi Muratori, durante gli ultimi tre secoli, cominciarono a conoscerlo come Hiram Abif. Tuttavia, in nessun parte del Vecchio Testamento il nome compare in questa forma. L'origine di “Abif„ in se è sconosciuta e su questo c’è ancora molta speculazione. Una opinione ampiamente accettata è che “Hiram Abif„ potrebbe essere una fusione nella traduzione dall’ebraico “Huram abi„ , vale a dire “il figlio di Huram„. Ad ogni modo, non era mai stato un architetto, né era mai stato coinvolto nella costruzione del tempio, come è stato creduto comunemente. Comunque, il genio che mise in mostra  nelle decorazioni e la bellezza della sua arte, gli permisero un rapporto speciale con Solomon.

Utilizzando i grandi pozzi di argilla a Succoth sul lato est della valle del Giordano, 60 miglia (100 chilometri) a nord-est di Gerusalemme, Hiram costruì due grandi colonne vuote in bronzo (ognuna alta 25 piedi (8 m) e sei piedi (2 m) di diametro) e le ornò con lettere maiuscole sotto forma enormi incisioni profonde sette piedi (2 m), ornamentalmente decorate e ciascuna bordata con due file di 100 melograni. Queste colonne vennero poste singolarmente ognuna  ai due lati di fronte al vestibolo nella parte orientale del tempio. Hiram le chiamò “Boaz„ a destra (Nord) e “Yachin„ a sinistra (sud), guardando dall'esterno dell'entrata. 

Costruì poi una cisterna circolare in bronzo di diametro 15 piedi (4.5 m) e con i lati tre pollici (7.5 cm) a strati, capace di contenere 10.000 galloni (37.800 litri) di acqua, che montò su dodici tori di bronzo a grandezza naturale. L'intera struttura venne montata di fronte all'angolo sudorientale del tempio e simboleggiava “il mare fuso„ o “fonte„. La sua funzione era di fornire ai sacerdoti acqua in abbondanza, ottenuta inizialmente dalle cisterne sotterranee profonde e grandi che recentemente erano state scavate per fornire la cittadella futura. Alcune di queste cisterne ancora esistono. Anche se due corsi d’acqua scorrevano sui due lati del Monte Moriah, il più grande era quello nella valle di Kidron e venne  potenziato per mezzo dell'acqua proveniente dalla sorgente di Gihon, che costituì il rifornimento principale alle cisterne per mezzo di una serie di trafori e di sifoni. 

Hiram proseguì costruendo un altare sacrificale enorme in bronzo, misurante 30 piedi (9 m) quadrato  alla base ed a gradini alto 15 piedi (4.5 m). Dieci bacinelle ruotanti molto grandi, insieme ai numerosi basamenti bronzei delle lampade, strumenti sacrificali e carri furono aggiunti. Tutto questo metallo lavorato venne abbellito lavorandolo a sbalzo. In aggiunto a tutto questo, Hiram creò un altare in oro per il Sancta Santorum, così come placcature, ornamenti, lampade, vasi, ecc.; tutto finemente lavorato in oro massiccio ed argento. Ma soprattutto, le superfici dell’intera struttura, sia all'interno del tempio che nella parte esterna, vennero rivestite in fogli di oro in modo che non si vedesse nessuna parte della struttura di base. 

Non esiste annotazione conosciuta delle notevoli quantità di oro, argento, bronzo e pietre che vennero  usate (24), anche se calcoli approssimativi suggeriscono che circa 20 tonnellate di oro (20.4 tonnellate) solo siano state utilizzate. In ogni caso, doveva essere uno spettacolo sbalorditivo che sarebbe stato visibile per miglia intorno. Incidentalmente, non esiste annotazione conosciuta del destino di Hiram Abif .


957 BC 

La Palestina (erroneamente così chiamata dai Romani) intorno al primo e secondo millennio prima di Cristo,  era fertile e boscosa. Tuttavia, con una popolazione Israelita presunta ormai di circa mezzo milione di persone, si potrebbe ragionevolmente ritenere esagerata  la stima delle tantissime persone che furono presenti alla consacrazione del Tempio. È stato riportato che era avvenuto un sacrificio di 22.000 capi di bestiame ( bovini ) e di 120.000 ovini (25). 

È forse interessante notare che avvenne una notevole deforestazione ai tempi dell'occupazione romana. Ciò ulteriormente venne esacerbato tramite la distruzione assolutamente indiscriminata e totale delle foreste durante il periodo in cui il Medio Oriente era parte dell'Impero dell'Ottomano (c. AD 1300-1700 ). Il risultato fu che l'intera zona venne ridotta ad una terra nuda ed arida il cui recupero progressivo è stato realizzato soltanto nell’ ultima metà del ventesimo secolo.

 

956 a.C. 

Solomon continuò con la costruzione del suo palazzo e delle abitazioni di servizio per i responsabili del governo del regno. Ciò, insieme alle mura della cittadella ed alle difese, richiese altri 13 anni, cioè fino al 943 BC circa. 

 

940 a.C. 

Non credendo ai rapporti che aveva ricevuto circa lo splendore di Solomon, la Regina di Sheba (Saba) percorse 1700 miglia (2740 Km) dal sud dello Yemen (Aden) in visita di stato per vedere personalmente le cose. Sembra che ripartì notevolmente impressionata  (26). 

 

931 a.C. 

Nove anni dopo, Solomone morì. Suo figlio Rehoboam fu il successore. Tuttavia, poco tempo dopo, il regno si divise; Rehoboam mantenne Judah, di cui Gerusalemme rimase la capitale. Jeroboam I venne scelto per governare le tribù restanti di Israele, che d'ora in poi, come desideravano, avrebbero incluso le tribù di Reuben e di Simeon. 

 

925 a.C. 

Rehoboam, durante il suo quinto anno di regno, si impegnò in una schermaglia attaccando gli insediamenti egiziani. Il Faraone, Ramesses II (accennato all'inizio), che da quando fu incoronato è stato conosciuto come Shishak, decise di punirlo conducendo il suo esercito in Judah. Il risultato fu che un certo numero di città della collina vennero sono distrutte. Gerusalemme venne conquistata e stava per essere trattata nello stesso modo ma, accogliendo una supplica di Rehoboam, la città venne stata risparmiata in cambio della maggior parte dei tesori trasportabili del tempio. (28) Fortunatamente l'Arca venne risparmiata ed lasciata sul posto. Seguì un periodo di relativa tranquillità per i successivi tre secoli. 

 

690 a.C. 

I due regni rimasero separati fino a che, con il consenso di tutti, Hezekiah, che era stato re di Judah dal 715 BC, prese anche il controllo di una zona dell'Israele. Hezekiah fu uno dei grandi re; ebbe particolare abilità nella costruzione di molte strutture in pietra enormi, sia civili che militari. Molte ancora esistono. Fu lui che inoltre estese il sistema complesso dei trafori, dei sifoni e delle cisterne sotto il Monte Moriah per migliorare il rifornimento idrico in Gerusalemme. 

 

597 a.C. 

Dopo la conquista della Siria, Nabucodonosor II, re di Babilonia, occupò successivamente Israele e Judah. Assediò con successo Gerusalemme, impose una serie di re di burattini per governarla. Questa situazione insoddisfacente continuò per i dieci anni fino a che gli ebrei insorsero e  Nabucodonosor decise di schiacciare tutta la resistenza restante. 


587 a.C. 

Con la sommossa sedata, le forze di Nabucodonosor saccheggiarono Gerusalemme, spogliando  il tempio di tutti i rivestimenti d'oro e dei manufatti importanti. Questi, presumibilmente, vennero riprodotti nel corso degli anni per sostituire anche quelli saccheggiati precedentemente da Ramesses II circa tre secoli prima. I Babilonesi distrussero le due colonne, il catino e l'altare sacrificale prima di incendiare la struttura che aveva resistito per oltre 370 anni. Poi smantellarono completamente le pareti della cittadella così che ne rimase solo una piccola traccia.

Durante questo periodo, l’Arca dell’Alleanza scomparve e mai più venne citata nella Bibbia. Si è spinti a pensare che  fosse stata distrutta o, più interessante, perché era stata nascosta durante i dieci anni precedenti, per non essere più ritrovata. Sembra inconcepibile che l'Alto Sacerdote possa aver assistito passivamente alla sua scomparsa. Inoltre la rimozione di un manufatto sacro, per la profonda importanza religiosa rappresentata, difficilmente avrebbe potuto passare inosservata o non registrata. Non è irragionevole pensare che potrebbe essere stata nascosta nelle profondità del Monte Moriah.

Daltronde Jeremiah, nelle Opere apocrife, riferisce chiaramente di aver rimosso e nascosto l'Arca in una grotta fuori di Gerusalemme e poi di averla chiusa ermeticamente. 

Graham Hancock, nel suo programma alla BBC dell' 8 Agosto 1993, presentò un'altra teoria secondo la quale potrebbe essere stata trasportata in segreto ad Aksum, l’antica capitale dell'Etiopia. In ogni caso, quale sia mai la risposta, la scomparsa dell’Arca dell’Alleanza rimane ancora il più grande mistero biblico

 

© 2004/2017 - Sito Ufficiale della Loggia Heredom 1224 di Cagliari - C.F. 92171500926 

top