cropped-cropped-dio-creatore1

100 Aforismi Massonici, di George Oliver

 

George Oliver (1781–1861), nativo del Surrey in Inghilterra, è stato uno dei più prolifici scrittori di libri sulla massoneria degli ultimi due secoli. La sua prima opera fu un ponderoso studio su “Le Antichità della Massoneria”, in cui affermava che la Massoneria aveva origini lontanissime nel tempo, agli albori della storia, insegnata da Seth ai suoi discendenti, salvaguardata da Mosè, tramandata dai Patriarchi di Salomone, e da loro fino ai giorni nostri.

Il reverendo Oliver (prete cattolico, perfettamente a suo agio nelle logge massoniche, che riteneva intrise di esoterismo cristiano, vedi al sua opera “La Stella d’Oriente”) ha svolto approfonditi studi anche sui rituali massonici e le loro origini. Ha dedicato anche una nutrita serie di aforismi alla vita di Loggia ed ai principi della Massoneria. Ne riportiamo alcuni, un centinaio, tratti dal sito della loggia massonica Atanor, ripresi a loro volta dal sito massonicdictionary.com

 

I

La Massoneria è un sistema meraviglioso di moralità celato in allegorie e illustrato da simboli.

 

II

 Se tu resti in silenzio quando la Massoneria è attaccata tu condanni con le tue azioni ciò che la tua coscienza approva.

 

III

 Se sei un Massone Cristiano in tutte le occasioni devi operare in modo da assolvere i doveri della moralità cristiana che sono racchiusi nelle tre categorie: Dio, il tuo prossimo e te stesso.

 

IV

 I benefici che derivano dalla Massoneria sono stati descritti bene da Ovidio e da Orazio quando affermano che: “Ingenuas didicisse fideliter artes emollit mores. Asperitatis et invidiae corrector et irae”;   queste parole possono essere tradotte così: “ Avendo imparato fedelmente le arti liberali, attenua la tua condotta ed opera correggendo la natura cattiva, l’invidia e la collera”.

 

V

 Soggiogare le passioni è stato uno scopo di tutta l’umanità sul quale hanno tutti riposto le loro speranze. Da qui deriva la prima idea del conosci te stesso, che era scritto sul portale dei templi pagani e che era uno stimolo alla virtù, di cui era il primo insegnamento, e che conduce a un desiderabile completamento in cui tutte le qualità sono unite per soggiogare le passioni.

 

VI

 Se intendi perseguire lo studio della Massoneria con un benefico risultato è indispensabile che tu frequenti regolarmente la Loggia. Questo è il tuo apprendistato e senza di esso non diventerai mai un brillante ed insigne Massone. Non vi sono scorciatoie per acquisire la conoscenza.

 

VII

 La Loggia non deve essere intesa semplicemente come un luogo in cui i Massoni si riuniscono per svolgere delle mansioni, ma il corpo aggregato dei suoi membri. Quest’ultima, strettamente parlando, è la Loggia; la prima, invece, è solo la stanza della Loggia.

 

VIII

 Una persona incompetente alla guida di una Loggia è come un falco in volo dal quale tutti gli uccelli inferiori s’affrettano a sfuggire e lo lasciano come il solo inquilino del cielo.Allo stesso modo un tale Maestro Venerabile farà sì che la Loggia sia disertata dai suoi membri ed egli resterà solo nella sua gloria.

 

IX

 Se pensi di frequentare la tua Loggia   recati all’ora che è stata indicata dalla convocazione. Chiunque è in ritardo, disturba i Fratelli e interrompe i lavori della Loggia.

 

X

 Quando sei seduto in Loggia ricordati della tua condizione. Se sei un Ufficiale di Loggia compi il tuo dovere e niente più. Se sei semplicemente un Fratello il tuo compito è di ascoltare e di non parlare.Un’interferenza inopportuna è sconveniente in un Massone: essa potrebbe provocare un danno ed anche se non lo provoca non può   dar luogo ad alcun beneficio.

 

XI

 Sii sempre obbediente al Maestro Venerabile.  L’obbedienza è una virtù di grande importanza per il tuo carattere di Massone e per il benessere della Loggia. Senza obbedienza la saggezza non è operativa, laforza perde il suo potere e la bellezza la sua grazia. Confusione e discordia scacceranno presto coloro che occupano il luogo sacro.

 

XII

 Per nessun motivo o per convinzione dovrai mai soffrire per essere stato sedotto a far parte di un gruppo ostile agli Ufficiali che sono a guida della Loggia. Se agisci così sarai un uomo lodevole e il tuo perfezionamento in Massoneria sarà sicuro, al contrario, sarà ostacolato.

 

XIII

 Nel periodo in cui importanti compiti impegnano l’attenzione dei Fratelli non devi lasciare il tuo posto o intrattenerti in conversazione con il tuo vicino, neanche con bisbigli.  Non devi neppure spostare la sedia o il banco su cui sei seduto o fare qualsiasi altro rumore che disturbi il Maestro Venerabile e gli altri Ufficiali nell’esecuzione dei loro rispettivi doveri. Il silenzio è la caratteristica fondamentale di una loggia ben regolata.  Ho conosciuto molte Logge che si sono deteriorate per non aver seguito con la dovuta attenzione questi piccoli particolari.

 

XIV

 Se hai l’ambizione di presiedere una Loggia prima di tutto impara ad obbedire.  Fai in modo che il tuo percorso sino agli incarichi più elevati sia graduale. Se vuoi capire il tuo dovere passa attraverso i gradi inferiori. L’ufficio di Diacono renderà familiare la tua mente ai lavori di Loggia. Potresti allora aspirare ad essere Sorvegliante che è un gradino per la Maestranza.

 

XV

 Quando sei in riunione nella stanza della Loggia devi essere cortese con i tuoi compagni di lavoro; chiama ognuno di loro con il nome di Fratello. L’invidia, od ogni altra passione malefica, non deve trovare posto in una Loggia Massonica. Tuttavia, il merito deve essere assegnato a chi il merito è dovuto. La regola è di promuovere l’altrui benessere e di gioire dell’altrui prosperità.

 

XVI

 Potresti essere chiamato dal Maestro Venerabile a esprimere la tua opinione su qualsiasi argomento che è presentato all’attenzione della Loggia. Devi esprimerti in modo temperato con un linguaggio appropriato.  Qualsiasi leggerezza o scherzo su argomenti seri devono essere attentamente evitati.

 

XVII

 Durante il periodo di ricreazione è permessa una libera conversazione, ma si deve svolgere entro i limiti della decenza; tuttavia, anche in questo caso devono essere evitati argomenti di politica o di religione. Nel caso di una disputa tra due Fratelli il Maestro Venerabile deve   farla terminare immediatamente e con fermezza. Infatti, qualsiasi sia la relazione che due Fratelli possono avere nel mondo qui essi sono Fratelli. Niente sarà permesso tranne ciò che è strettamente consono con i canoni dell’armonia e dell’amore fraterni.

 

XVIII

 E’ una giusta dottrina quella secondo cui quando la Loggia è aperta tutti i Fratelli siano allo stesso livello, ma quando questa è chiusa ed iniziano i lavori essi sono divisi dalla squadra. Ma ciò non si estende al di fuori delle quattro mura della stanza della Loggia. Nel mondo l’onore deve essere dato quando l’onore è dovuto e un Massone che appartiene a una classe sociale inferiore, sebbene sia stato ammesso tra di noi in base all’influenza di un buon rapporto sulla sua regolarità di condotta e la proprietà di comportamento, non deve presumere di prendere una non dovuta libertà con i suoi superiori in grado al di fuori di quelli verso i quali gli è stato permesso come se non fosse un Massone.

 

XIX

 Quando un estraneo si presenta alla tua attenzione con il carattere di Massone è tuo dovere essere particolarmente acuto nel tentativo di costatare se le manifestazioni sono genuine. Poiché, se fosse provato che è una spia la più piccola parola o un suggerimento che egli potrebbe raccogliere da qualsiasi indiscrezione da parte tua potrebbe essere sufficiente per fondare un’ipotesi che potrebbe essere sfacciatamente inventata come una nuova e importante scoperta. Stai attento a ciò.

 

XX

 L’amore fraterno è la molla principale della Massoneria.  Se lo rimuovi la macchina cade a pezzi e l’intera fabbrica si dissolve come nebbia al sole. L’amore fraterno ha i suoi doveri imperativi che, come Massone, sei obbligato a compiere. Se un fratello è ingiuriato devi proteggerlo; se è calunniato devi giustificarlo; se perseguitato devi difenderlo:   sin tanto che è prudente farlo senza compromettere i tuoi interessi.

 

XXI

 Quando un Fratello usa espressioni offensive all’interno di una discussione, non contraccambiare ma prendi tempo per capire con calma se queste espressioni erano solo momentanee manifestazioni dell’animo o se, al contrario, erano il frutto di un insulto premeditato; nel primo caso dimenticale, nel secondo, perdonalo ma nel futuro sii cauto nel dargli fiducia.

 

XXII

 Come hai una reverenza filiale verso i tuoi genitori, così, come Massone, devi avere una venerazione patriottica per coloro che governano il tuo paese.  Non disturbare mai la tranquillità pubblica unendoti in complotti o in cospirazioni contro la pace e l’ordine della nazione o contro il governo sotto il quale vivi e sei protetto. Un Massone deve essere un uomo pacifico e deve praticare in pubblico le lezioni di sottomissione, calma, ed obbedienza che gli sono state insegnate in Loggia. La distruzione dell’ordine è un peccato.

 

XXIII

 Quando incontri un profano che continua a porti domande non fare la parte dell’Asmodeo benevolente e chiudi la tenda che copre i segreti della Loggia, taglia corto e digli che se desidera conoscere i segreti della Massoneria la Loggia è a portata di mano e così potrà soddisfare la sua curiosità a un costo insignificante.  Se non accetta digli che vivrà e morirà nell’ignoranza che sarà ancora più impervia per le sue congetture inconcludenti, nessuna delle quali potrà in alcun modo   avvicinarsi alla verità.

 

XXIV

 Quando raccomando una diligente attenzione agli interessi della Massoneria non vorrei che fosse capito che ti suggerisco quest’atteggiamento a scapito dei tuoi impegni mondani. L’una è indispensabile, gli altri sono uno svago. In nessun caso le occupazioni necessarie della vita devono essere trascurate. Devi provvedere ai bisogni della tua famiglia, devi conservare il tuo stato morale, i tuoi impegni devono essere assolti e devi applicarti puntualmente nel tuo lavoro. Tuttavia, se sei un prudente economo del tuo tempo, tutti questi doveri ti lasceranno una gran quantità di tempo libero per soddisfare le esigenze della Massoneria. I primi devono essere assolti e le seconde devono essere soddisfatte. I caratteri di un membro buono e lodevole dell’istituzione, e di un Massone zelante, non sono inconciliabili o incompatibili con i tuoi doveri nel mondo, al contrario, possono essere facilmente mescolati.  Questo è un gran segreto e colui che lo segue sarà rispettato sia nel mondo profano sia in Loggia.

 

XXV

 Non iniziare mai una controversia con un profano; come un serpente sordo egli chiuderà i suoi orecchi e si rifiuterà di ascoltare la voce dell’incantatore il cui fascino non sarà mai così saggio. Non importa quanto siano chiari i tuoi fatti, o quanto convincenti le tue argomentazioni, egli non crederà ai tuoi ragionamenti. Anche se tu griderai con ansia, Oh Baal! ascoltaci, e persino se ti taglierai con coltelli e bisturi per attirare la sua attenzione, non vi sarà né ascolto né risposta, né qualsiasi altro riguardo. Potresti anche cercare di smorzare il sole sciogliendolo con palle di neve, o tagliare la roccia in pezzi con un rasoio, per fare impressione sulla mente di un tale uomo.

 

XXVI

 Per quali ragioni il Fratello Rossi fa pochi progressi nella conoscenza della Massoneria?  Indolenza. Perché il Fratello Bianchi ha fallito nel manifestare un buon carattere come Maestro Venerabile della sua Loggia? Perché egli era indolente.  Ti chiedi perché il Fratello Rossi non è mai passato al Secondo Grado?  Rispondo, perché egli era un uomo pigro.  L’indolenza è la madre del vizio.  Le cattivi abitudini possono essere superate, il vizio corretto e la collera controllata, ma l’indolenza raramente, e forse mai, è sconfitta.

 

XXVII

 In nove casi su dieci se sei amabile con te stesso gli altri saranno amabili con te.

 

XXVIII

 Il tuo amore per la Massoneria sarà deciso dalla frequentazione dei suoi lavori. Dove è il tuo tesoro anche là dovrà trovarsi il tuo cuore.

 

XXIX

 Il Maestro Venerabile di una Loggia deve essere cortese ma risoluto; scrupoloso ma deciso.  La carica di Maestro Venerabile è una prova che pochi superano con piena soddisfazione;   essa si fonda sulla prudenza, la discrezione e il giudizio.  Quibus in rebus duo maxime fugienda sunt – ne quid effeminatum aut molle, et ne quid durum aut rusticum sit. [Nella vita si devono seguire due massime: non essere effeminato o debole, né duro o rozzo, N.d.C.].

 

XXX

 Il silenzio, il segreto e la calma del temperamento sono caratteri indubbi del vero Massone. Colui che si vanta continuamente del suo sapere può essere considerato come un vuoto ciarlatano. Il rumore non è saggezza. Coloro che dichiarano in modo ostentato i loro meriti qualche volta possono gioire dalla soddisfazione di aver ingannato ma, alla fine, la loro vanità sarà smascherata.

 

XXXI

 Il silenzio è l’attributo eminente della Divinità.  Egli nasconde all’umanità i misteri segreti della sua Provvidenza come una lezione alle Sue creature.  Il più saggio degli uomini non è in grado di penetrare gli arcani dei cieli, né può   predire oggi cosa potrà accadere domani.

 

XXXII

 Se ascolti un uomo che si vanta delle sue abilità, dei suoi successi, della sua dignità o della sua posizione nella vita, non rivelargli i tuoi segreti.

 

XXXIII

 I piaceri delle nostre ricreazioni sono innocenti ed innocui. Colui che li disprezza non è degno di essere un Fratello; infatti, o è un’ipocrita, un formalista o un impostore.  Guardati da lui.

 

XXXIV

 Quando sei in Loggia sorveglia i Fratelli litigiosi. La verità è piccola di fronte all’amore fraterno. Un Fratello litigioso disputa contro la verità come contro l’errore e sia vittorioso sia perdente continua a discutere e a litigare, dibatte e disputa sin tanto che avrà scacciato dalla Loggia ogni Fratello di spirito retto.

 

XXXV

 Unità ed amore, insieme all’umiltà sono la salvaguardia di una Loggia e se qualcuno si oppone ad esse consideralo come un nemico.

 

XXXVI

 Il Maestro Venerabile di una Loggia è amato dai Fratelli?  Assicurati che sia un uomo amorevole, intelligente e giusto.

 

XXXVII

 Colui che possiede uno spirito disposto ad imparare può aspirare ad ottenere i massimi onori della Massoneria.  Egli vede ed ascolta ogni cosa e non tradisce alcunché.

 

XXXVIII

 Sopportare e pazientare è una massima banale ma molto utile. Se ritieni di essere stato offeso o persino insultato da un Fratello non dare spazio ad un risentimento improvviso o sconsiderato, ma aspetta il corso degli eventi; non perderai niente nel rimandare. Egli potrebbe averlo fatto senza intenzione.  In ogni caso ammoniscilo in privato; agendo così potrai comprendere bene come sono andate le cose e forse potrai essere soddisfatto da una spiegazione. In tal modo l’armonia può essere ristabilita e   resterete reciprocamente compiaciuti.

 

XXXIX

 Quando parli di Massoneria in compagnia di amici se vedi che uno di loro scuote la testa di fronte ad un’osservazione o ad un fatto o sembra molto saggio e conosce l’argomento, consideralo come una spia e termina la conversazione. Egli ti tradirà con sarcasmo, ti denunzierà e ridicolizzerà i tuoi propositi con qualche scherzo non apprezzabile e rozzo e quindi scuoterà la sua testa vuota come segno della sua saggezza e del suo tatto nella scoperta di segreti occulti che hanno sfidato ogni comprensione: egli ha trovato un prezioso diamante in un sacco di carbone.

 

XL

 Le quattro virtù cardinali sono i perni su cui ruotano tutte le altre: esse fanno parte dell’insegnamento morale della Massoneria e sono state introdotte nel sistema massonico come guide e direttive per indicare la via verso la felicità oggi e nell’avvenire.

 

XLI

 I gioielli morali, rimovibili e irremovibili, sono ammonitori silenziosi per trasmettere istruzioni alla mente.   Dai primi sono insegnate la moralità, la giustizia l’eguaglianza e l’integrità, con i secondi ci si riferisce alla Prima Grande Luce e al metodo di perfezionare e umanizzare lo spirito incolto dell’uomo attraverso istruzioni morali e conoscitive sin tanto che esso diventi, dopo aver trascorso un’intera vita in un cammino di pietà, virtù e benevolenza, così perfetto in tutti i suoi pensieri, affetti ed azioni, da non poter essere altrimenti messo alla prova dalla Squadra della Parola Santa di Dio e dal compasso della coscienza che giudica.

 

XLII

 La via verso l’eccellenza è appositamente disseminata da spine per promuovere l’ardore della ricerca e suscitare diligenza nell’applicazione dei talenti nel lavoro.

Pater ipse

Haud facilem esse viam voluiti

Cursi acuens mortalia corda,

Nec torpere gravi passus sua regna veterno.

(Lo stesso Padre –

Volle che fosse difficile la via,

Pungendo i cuori mortali d’affanno

Né permise al suo regno

un sonno  pesante. Virgilio, Georgiche, 1,121-126)

 

XLIII

 Se un qualsiasi Fratello avrà abbandonato la Massoneria piuttosto di essere turbato dall’investigare le sue genuine bellezze, consideralo come un uomo che ha una mente debole e un carattere mutevole e che potrebbe rinunziare a qualsiasi bene per amore della tranquillità, come un animale indolente che divora i propri escrementi piuttosto che   esporsi alla fatica di ricercare un cibo più salutare e nutriente.

 

XLIV

 Segni, parole e prove sono indicati come le chiavi del nostro tesoro.  Tuttavia, se venissero perse il tesoro rimarrebbero ancora nello scrigno accessibile al Fratello laborioso senza il loro aiuto.

 

XLV

 Se un Fratello consegna il suo denaro per scopo caritatevole solo quando viene menzionato il suo nome e lesina i suoi spiccioli quando l’offerta deve rimanere sconosciuta allora reputalo come una persona di mente ristretta e incapace di compiere alcun compito grande o nobile che sia.

 

XLVI

 Sii sempre moderato nei tuoi piaceri e sobrio nelle ricreazioni non solo per il tuo benessere, ma a beneficio di tutta l’Istituzione. Paley definisce l’ubriachezza come un vizio sociale gioioso capace, come altro vizio, ad attrarre gli altri sulla base dell’esempio. Il bevitore raduna la sua cerchia di amici e questa si espande naturalmente; tra coloro che sono attratti in questa cerchia molti diventano corruttori e creano loro stessi delle cerchie; ciascuno di essi approva ed emula gli altri sino al punto in cui l’intero vicinato è infetto dal contagio di un singolo esempio.

 

XLVII

 Negli attuali tempi agitati è un dovere incombente su tutte le Logge dei Massoni, disperse come sono, non solo nel regno ma in ogni paese sotto la calotta dei cieli, manifestare se stesse al mondo come un corpo dotato di una grande attività nel compiere ogni dovere morale e sociale.  Il mondo da noi si aspetta i frutti sboccianti di un’Istituzione che professa di investigare la conoscenza e di lavorare per il perfezionamento dello spirito e il miglioramento del cuore.

 

XLVIII

 Il Massone che conosce i fini per cui è stato creato, e quale sarà il suo probabile destino in un mondo migliore, può essere stimato come un Fratello saggio e colto.

 

XLIX

 Il lavoro è la regola in Massoneria mentre la ricreazione l’eccezione.

 

L

 La grande eccellenza del nostro sistema allegorico consiste nella felice distribuzione della storia, della conoscenza, della morale e della metafisica negli insegnamenti dei Tre Gradi.  Il progetto è estremamente assennato ed è stato eseguito con completo successo.

 

LI

 Guardati da colui che è veloce nel scoprire gli errori, ma lento nell’apprezzare il merito e la virtù.

 

LII

 Come una pietra grezza può essere squadrata e levigata dalla mano di un abile lavoratore così molti spiriti informi possono essere moralizzati per effetto dell’educazione e dell’esempio   e possono diventare buoni e utili membri dell’Istituzione.

 

LIII

 Se possiedi una propensione per una qualsiasi ricerca non aver fiducia di quell’uomo che la adula in modo presuntuoso — egli ha cattive intenzioni verso di te.

 

LIV

 Se porgi una mano a un Fratello  e lui  allunga due dita, stai attento al tuo borsellino.  L’assunzione di superiorità  senza fondamento  è  in linea di principio disonesta e l’uomo che si vanta per qualcosa di cui non ha diritto non esiterebbe a  rubarti il portafoglio.

 

LV

 L’ostilità di un profano è nociva,  ma  è peggiore la confusione  che deriva dalle colpe e dagli errori di un Fratello senza giudizio.

 

LVI

 Se un Fratello soffre a tal punto da diventare apatico,  egli presto cesserà di essere un Massone.

 

LVII

 Quante dispute nascono  da  inezie!  Il loro numero potrebbero diminuire molto se ognuno si ponesse volontariamente questa domanda: è meglio sacrificare un punto che non ha valore o perdere un amico che è più prezioso  di un rubino?

 

LVIII

 È utile osservare che in molte lingue la parola che  indica in senso stretto  la direzione di un percorso o  la perpendicolarità  viene anche usata in senso figurato per esprimere la rettitudine della condotta. In  Latino  questa parola è  rectum che significa allo stesso tempo una linea retta e onestà ed integrità; la parola greca  è ortos, che significa diritto ed anche  ragionevole, giusto e onesto;  in ebraico la parolatsedek che in senso fisico denota  esattezza e  linea retta in senso morale indica ciò che è  retto e giusto. La nostra parola diritto porta con sé questa peculiarità.

 

LIX

 Prima di  considerare un uomo  come un buon Massone lascia che  svolga il suo compito di Maestro Venerabile. Questa è la prova che  manifesta in modo  infallibile sia le virtù sia   i difetti, l’imbecillità mentale e  la forza morale.  Se egli trascorrerà il suo anno di apparente onore con  vera saggezza e credibilità allora  egli avrà acquisito nobilmente il carattere di un Massone degno  di lode e intelligente.

 

LX

 Colui che disprezza la Massoneria, dopo aver avuto l’opportunità di  conoscere le sue bellezze, non possiede alcuna qualità che lo possa rendere degno di stima.

 

LXI

 Valuta se la tua Massoneria è passiva, negativa o positiva.  Nel primo caso presto l’abbandonerai;  se  la consideri negativa manterrai i contatti con essa solo per motivi conviviali;  ma se  è positiva il tuo cammino sarà glorioso e  la sua conclusione onorevole.

 

LXII

 Quando un profano critica la conoscenza non rispondergli ma ascolta attentamente le sue parole; quest’ultime  per caso  possono  richiamare qualche tema, una parte o un segreto che è sfuggito alla tua attenzione  e il tal senso egli potrebbe essere utile e portare qualche beneficio: Come il  rospo – brutto e velenoso, che possiede un gioiello prezioso nella sua testa.

 

LXIII

 I tre sensi dell’ascoltare, vedere e sentire sono  in Massoneria tre importanti sorgenti di conoscenza.

 

LXIV

 Ascoltando  puoi acquisire una conoscenza degli insegnamenti; vedendo puoi osservare i simboli che trasmettono un  muto insegnamento per il Fratello che è attento;  e col sentire  puoi  essere in grado di usare gli strumenti della Massoneria e  scoprirti  come un Fratello nelle tenebre o nella luce.

 

LXV

 Stima il Fratello che prova piacere nel fare carità e non  ciancia su ciò;  accoglilo nel tuo cuore e trattalo come un  credito alla Massoneria e un onore per l’umanità.

 

LXVI

 E’ dovere di ogni uomo onesto, così come di ogni genuino Massone,  scoprire e smascherare ogni curiosità impertinente.

 

LXVII

 L’abbigliamento è un segno dello spirito.  Se sei pulito e preciso nella tua persona i tuoi pensieri saranno puri e le tue aspirazioni  saranno sacre. N.B.  Ciò non è sempre vero.

 

LXVIII

 Il gesso,  il carbone, il crogiolo di cotto o di creta sono gli emblemi che sono stati adottati dai nostri antichi Fratelli per esprimere certe qualità  senza le quali non ci si può aspettare nessun progresso in Massoneria.  Niente è più facile da usare  del gesso che raramente   viene toccato ma lascia dietro la sua impronta; niente e più ardente del carbone poiché quando è stato ben acceso nessun metallo può  resistere alla sua forza; niente  è più   premuroso della creta,  la nostra madre terra, che  aprirà le sue braccia per riceverci, quando tutti i nostri  amici ci  avranno abbandonato.

 

LXIX

 Sii molto cauto verso colui che raccomandi come candidato per l’iniziazione;  un passo falso a questo punto può essere fatale.  Se introduci una persona  litigiosa  genererà confusione che può portare alla dissoluzione di una Loggia.  Se hai una buona Loggia mantienila selettiva. I grandi numeri  non rappresentano sempre un beneficio.

 

LXX

 Guardati da un uomo che  ha commesso un’azione disonorevole;  se vi sarà l’occasione egli  sicuramente la ripeterà.

 

LXXI

 E’ un Fratello saggio colui che sa come chiudere un discorso quando ha detto tutto ciò che è pertinente ad un certo argomento.

 

LXXII

 Gli ornamenti della Loggia  sottolineano i problemi e le vicissitudini della vita con lo scopo di indurci a coltivare l’armonia, a fare carità e a vivere in unità e con amore fraterno.

 

LXXIII

 Colui che inizia un lavoro senza  la saggezza per progettare,  senza la forza per sostenere e senza  la bellezza  per adornare sarà come l’uomo folle   descritto nelle Sacre Scritture che costruisce la sua casa sulla sabbia.  Quando il vento soffia  e sopraggiunge l’alluvione i fondamenti del suo lavoro saranno  scossi e in seguito il crollo sarà completo.

 

LXXIV

 Il Maestro Venerabile di una Loggia deve possedere una certa capacità di eloquenza per permettergli di spiegare i simboli, per illustrare le allegorie  e per istruire i Fratelli nei principi generali della Massoneria, così come per eseguire  gli usuali lavori di Loggia. Il suo modo di parlare deve essere chiaro, breve e diretto allo scopo.  Declamazioni, ornamenti o  figure retoriche del linguaggio confondono l’oratore  senza produrre alcun effetto benefico sugli ascoltatori.  Quello che viene richiesto è un linguaggio  piano ed accessibile.

 

LXXV

 Chiunque  propone un qualsiasi nuovo schema a beneficio della Massoneria si deve aspettare un forte e prolungato applauso se avrà successo  e  una forte derisione  se avrà la sfortuna di avere sbagliato.

 

LXXVI

Guardati dal procrastinare:  giustamente   il procrastinare viene chiamato il furto del tempo.

Colui che  rimanda di giorno in giorno un lavoro,

Sta  sulla riva del fiume  aspettando

Sin tanto che  lo scorrere del corso d’acqua che lo ha  fermato

sia terminato

Che,  come scorre scorrerà per sempre.

 

LXXVII

Quando una Loggia diventa disordinata questa è perduta.  Vuoi soggiogare la turbolenza e restaurare l’armonia? Dimetti il Maestro Venerabile.

 

LXXVIII

Sii cauto nel trattare con un uomo che  non pensa ad altro che a se stesso.

 

LXXIX

Colui che si compiace  di possedere le Chiavi, raramente  avrà interesse per la stanza.

 

LXXX

Un uomo può parlare per un’ora e non dire niente; un altro con una sola parola può convincere e dirimere una disputa. Quest’ultimo è eloquente mentre il primo è vano, vuoto e insignificante.

 

LXXXI

Non dare mai ascolto  a quelli che tentano  in modo insidioso di dissuaderti dal compiere il tuo dovere, al contrario, rimproverali.  Ho conosciuto una buona Loggia, formata da cinquanta fratelli, che è stata completamente distrutta dall’ammissione di un  solo membro  intrigante. In tre anni  egli  riuscì a fomentare costantemente dispute creando una così grande insoddisfazione che  i suoi membri migliori più vecchi poco alla volta se ne andarono con disgusto sin al punto che il numero dei membri si ridusse  in modo tale che la Loggia non poteva neanche  essere aperta. A quel punto  gli arredi e i gioielli vennero venduti e il brevetto  venne riconsegnato alla Gran Loggia.

 

LXXXII

Quando stai per essere eletto al Terzo Grado della Massoneria preparati  studiando e riflettendo poiché questo grado abbraccia ogni cosa che interessa l’essere umano  nel suo progresso nel tempo verso l’eternità – la fine e il destino dell’uomo, la resurrezione dal corpo e l’immortalità dell’anima.  Sei  consigliato di stare attento nell’eseguire  i compiti assegnati nel momento in cui  è necessario farlo; di ascoltare la parola che testimonia che persino in questo ambito deperibile risiede un’anima immortale che ispira una sacra fiducia che il Signore della Vita ci permetterà di  superare il Re del Terrore  sotto di noi e condurrà i nostri occhi verso la stella lucente del mattino, il cui sorgere porta pace e salvezza  agli esseri umani  leali ed obbedienti.

 

LXXXIII

Un giovane Massone non deve mai pretendere di apprendere una conoscenza che può essere raggiunta solo con l’esperienza:  più  la scimmia sale in alto  più espone  la deficienza del suo posteriore.

 

LXXXIV

Consiglio  ad  ognuno che è desideroso di  comprendere a fondo la vera natura e egli scopi della Massoneria   di iniziare con i suoi principali fondamentali.  Prima di tutto si faccia in modo che  egli  padroneggi le prove e quindi gli insegnamenti; dopo di ciò egli non necessita di altre istruzioni; il suo senso  gli indicherà la via verso i misteri più nascosti  e la loro applicazione per l’avanzamento della conoscenza per gli scopi ordinari della via sociale e civile.

 

LXXXV

Il candidato si muove in cerchio così  come fanno anche i globi celesti;  ed anch’essi sono sferici.Ogni natura si risolve nella stessa forma. Ogni goccia d’acqua che cade dal cielo, per rinfrescare e rinvigorire la terra, è un cerchio o un globo. Se una pietra viene lanciata in aria nella sua ascesa descrive una successione di cerchi. L’arcobaleno è un segmento di un cerchio e gli antichi  dipinsero il Creatore come un cerchio, in cui ogni cosa è al suo centro e la circonferenza in nessun luogo. Quindi si faccia in modo che il candidato si ricordi che sta entrando in un cerchio di doveri che, come Massone e come Cristiano, e come uomo, è obbligato a  compiere con la stessa   costante regolarità  in cui  i pianeti compiono il loro corso attorno al grande luminare globulare del sole.

 

LXXXVI

Il Fratello che difende il carattere di un amico alle sue spalle così come lo facesse di fronte alla sua faccia,  manifesta uno dei caratteri più nobili della Massoneria.

 

LXXXVII

Guardati dal Fratello che ha paura  di osservarti in volto.

 

LXXXVIII

 Se un uomo  ti loda per qualità in cui tu sai coscientemente di non eccellere, sospetta di lui.

 

LXXXIX

 Come Massone ricordati della Camera di Mezzo. Se lavori sarai  ricompensato, mentre se non lavori  non avrai diritto ad alcun  salario. Applica questa lezione alla tua morale.  Se  compi il tuo dovere puntualmente rispetto a  Dio e all’uomo per te  è pronta una ricompensa nelle stanze celesti che riceverai senza dubbio o scrupolo; al contrario,  se  trascuri questi doveri non aspettarti salari  dal Maestro celeste. Ogni uomo sarà ricompensato secondo il suo lavoro.

 

XC

 Fai in modo che compiti, passaggi ed elevazioni siano condotti con serietà e  decoro  altrimenti il candidato sarà disgustato ed ogni rispetto che  poteva avere in precedenza per la Massoneria verrà  lanciato  nei venti del cielo.  Una volta ho conosciuto una Loggia in cui queste cerimonie erano condotte con  indecorosa leggerezza. La conseguenza fu che mentre molti candidati si fermarono alla soglia, e non andarono oltre il Primo Grado, altri, che possedevano una sufficiente perseveranza nel diventare Maestri massoni, alla fine  abbandonarono l’Istituzione  considerata  come un passatempo frivolo e insignificante.  Alla fine la Loggia terminò i suoi lavori  rimettendo il brevetto  quando non ebbe  più il  numero legale di membri per condurre i lavori.

 

XCI

 Se sei  desideroso di distinguerti  abituati a  dedicarti seriamente allo studio  della Massoneria.  Senza eccellenza non diventerai mai un  brillante Massone e l’eccellenza può essere acquisita solo  con l’impegno in Loggia e  con lo studio e la riflessione al di fuori di essa.

Nil sine magno

Vita labore  dedit mortalibus.

(Nulla è concesso alla vita dei mortali,senza grande fatica. Orazio,  Satire, 1,9, 59-60)

 

XCII

 Nel descrivere la Massoneria vorrei usare le parole di Milton: “Non ti intrattengo più a lungo nel dimostrarti cosa non dobbiamo essere, ma  ti conduco direttamente in una collina  dove ti indicherò la via giusta per una nobile e virtuosa emulazione;  in  verità laboriosa nella prima  ascesa, ma in seguito così  calma, così verde, così piena di buone prospettive e di suoni melodiosi da ogni parte  che l’arpa di Orfeo non fu così incantevole”.

 

XCIII

 Il grande segreto nel migliorare la memoria risiede nell’esercizio, nella pratica e  nel lavoro: nient’altro come la memoria  può essere migliorata dalla cura o ferita dalla negligenza..

 

XCIV

 “Sii  paziente –  sii paziente”- dice il Fratello impetuoso, “e ascolta ME”.

 

XCV

La  collera  non è solo una depravazione personale ma anche morale.  Essa distorce il carattere   e agita lo spirito. Guardati dalla collera   affinché i tuoi amici non ti vedano  in questo odioso  atteggiamento.

 

XCVI

Guardati dallo spergiuro. Se sei tentato da questo peccato e in un momento di  imprudenza o di  ilarità lo hai effettivamente commesso, puoi pensare di subire  le sofferenze del crimine:  rimproverati, abbi  rimorso nella coscienza per la riflessione che hai perso la stima e la fiducia dei tuoi Fratelli.

 

XCVII

Dato che la Loggia è aperta con il sorgere del sole, all’insegna del G.A.D.U., e chiusa lasciandosi in pace, armonia e amore fraterno, così, se hai qualche animosità contro un Fratello Massone non lasciare che il sole cali all’Occidente senza  essere testimone della tua riconciliazione.  Spiegazioni precoci prevengono  prolungate inimicizie.

 

XCVIII

Hai offeso pesantemente i tuoi Fratelli  e compagni violando le regole della Massoneria o della Loggia?  Pentiti e il tuo errore sarà  perdonato e  la frattura sanata.  Ma stai attento a non ripetere l’offesa, perché la  clemenza  ti verrà  data tardivamente  una seconda volta,  ma non la terza.

 

XCIX

Quando  sono statti chiusi i lavori di Loggia allontanati in pace e non far sì che i tuoi familiari o amici abbiano ragione di condannare la Massoneria come un mezzo per spezzare le felicità domestiche e per interferire con le disposizioni di un andamento regolare e  di una buona conduzione della casa.  Se sarai tentato di raggiungere altri luoghi di intrattenimento ed eccedere i limiti di una sobria discrezione  il tuo comportamento sarà un’onta per la Massoneria,  causerai dolore e dispiacere  nel cuore di coloro  verso i quali devi essere molto caro e le conseguenze  possono essere disastrose per  sempre  per il tuo benessere.

 

C

Dagli Antichi Doveri:  Coltiva l’amore fraterno,  i fondamenti,  i pilastri, la fondazione, cemento e gloria di questa Antica Fratellanza; evita ogni alterco e disputa, ogni calunnia e  pettegolezzi,  e non permetti ad altri di calunniare un Fratello onesto, ma difendi il suo carattere  e  offri i tuoi buoni uffici, per quanto è permesso dal tuo onore e dalla tua sicurezza e nient’altro;  tutto ciò può essere considerato come  un’influenza benefica della Massoneria che tutti i veri Massoni hanno fatto dall’inizio del mondo e faranno sino alla fine dei tempi.

 

 

© 2004/2018 - Sito Ufficiale della Loggia Heredom 1224 di Cagliari - C.F. 92171500926 

top